shopping-bag 0
Items : 0
Subtotal : 0.00
View Cart Check Out

NEWS

Meret: “Il Napoli è un grande gruppo. Un onore essere qui e avere Ancelotti come guida”

Alex ai microfoni di Radio Kiss Kiss
“Per me è un onore essere al Napoli e avere Ancelotti come guida tecnica”. Alex Meret parla per la prima volta ai microfoni di Radio Kiss Kiss e rivela le sue sensazioni dopo i primi mesi in azzurro.

“Raramente ho visto un gruppo così unito e solido come quello che ho trovato qui. Sono molto felice di farne parte. Tutti si sacrificano per aiutare il compagno e tutti lavorano al massimo in allenamento”.

“Se abbiamo un gruppo così bello, molto lo dobbiamo al mister. Ancelotti è un grande allenatore, ha gestito nella sua carriera tanti campioni, ma soprattutto è una figura umanamente importante perchè ci dà una mano sia in campo che fuori”.

L’emozione del debutto: “Il giorno in cui ho esordito contro il Frosinone al San Paolo ho vissuto una emozione incredibile. Venivo da un lungo infortunio, ma sono rimasto tranquillo e concentrato sul match. Il calore dei tifosi, poi, mi ha fatto sentire più sicuro”.

“Io sono uno che cerca di non vivere troppo le pressioni e provo sempre ad isolarmi dal contesto per dare poi tutto in campo anche mentalmente.Quando vado in campo penso solo alla gara”

Sabato ci sarà l’amarcord contro la Spal: “Ho bellissimi ricordi sia dell’ambiente che di Semplici, un allenatore preparatissimo che viene dal basso. Sarà una partita importante per noi, vogliamo conquistare la vittoria per restare al vertice e proseguire il cammino”.

“Il successo di Cagliari ci ha dato tanta carica. Volevamo riscattare Anfield e ci siamo riusciti. Ci abbiamo creduto fino in fondo e sono contento l’abbia decisa Arek. Quando è andato a calciare la punizione ho subito avuto buone sensazioni”.

“Vogliamo essere protagonisti in tutte le competizioni, campionato, Coppa Italia ed Europa League. Siamo consapevoli della nostra forza e dobbiamo avere la mentalità vincente sempre”.

Capitolo Nazionale. Ci credi a una chiamata di Mancini? “La Nazionale è una conseguenza di ciò che si fa nel Club. Io per ora penso al Napoli e essere al top della condizione. Poi chiaramente giocare con l’Italia è il sogno di tutti…”.

Che regalo hai chiesto a Babbo Natale? “Di star bene e giocare”

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: